Industria

Qualcosa di simile, mostrato agli scienziati della NASA, può risolvere il puzzle della vita intorno al Sole

Nuova Delhi: navicella spaziale della NASA Le incursioni hanno dato agli scienziati una nuova direzione per comprendere la vita del Sole o delle stelle circostanti sulla circonferenza esterna del Sole. Circondare il sistema solare ha mostrato incredibili macchie solari derivanti dalle onde magnetiche. Spiega che normalmente due tipi di razzi emanano dal sistema solare. Razzi a bassa intensità, razzi ad alta intensità. DNA e RNA sono sicuri nei razzi a bassa intensità mentre DNA e RNA non sono sicuri nei razzi ad alta intensità. Questa volta la causa delle macchie è stata trovata essere bagliori a bassa intensità.

Le flotte dei veicoli spaziali della NASA hanno esplorato le possibilità di vita su questi punti solari mentre orbitano attorno al sistema solare. La macchia solare è stata scoperta per la prima volta dallo scienziato Galileo Galilei. Secondo gli scienziati, questa ombra o questi punti sono distanti miliardi di miglia a causa del suo campo magnetico. Può essere una vista di stelle lontane che può aiutarci a capire l'attività stellare e le condizioni di vita sui pianeti. Lo scienziato Shin Tormi dell'Istituto di scienze spaziali ha dichiarato: “Abbiamo utilizzato i dati solari in questo studio, che è una migliore connessione tra la fisica solare e la fisica stellare.”

Leggi anche: LIVE: PM Modi Launches Ownership Scheme, Distributed Property Card

Le macchie solari sono spesso antecedenti del brillamento solare. È importante monitorare le macchie solari dalla superficie del sole e capire perché e come si verificano i brillamenti. Inoltre, comprendere la frequenza dei razzi su altri fili è uno dei modi per comprendere le cause dei danni alle loro vite. Alcuni razzi possono aiutare a formare molecole complesse come RNA e DNA. Ma molti bagliori forti possono danneggiare l'intera atmosfera, eliminando la possibilità di vita su un pianeta.

Gli scienziati hanno presentato i dati ad alta risoluzione del Sole al Solar Dynamics Observatory della NASA e alla JAXA / NASA per vedere come sarebbe stata la posizione del Sole sul Sistema Solare e il suo impatto su stelle lontane. Dalla missione Hinode. Aggiungendo luce a ciascuna immagine, gli scienziati hanno convertito le immagini ad alta risoluzione in un singolo punto dati. Dopo aver mescolato insieme i punti dati successivi, gli scienziati hanno creato grafici di come l'immagine cambiava quando la luce attraversava il sole. Le trame, che gli scienziati chiamano curve di luce, mostravano il sole come un sole che passa, distante molti anni luce. Gli scienziati hanno creato curve di luce utilizzando immagini ad alta risoluzione del sole per capire che aspetto avrebbe una macchia solare su una stella lontana.

Secondo un nuovo studio pubblicato sull'Astrophysical Journal, c'è solo un gruppo di “macchie solari” visibili in tutto il sole. Sebbene le missioni della NASA e della JXA abbiano raccolto osservazioni del Sole ininterrottamente per oltre un decennio, questo caso è piuttosto raro. Di solito ci sono molte macchie solari.

TV DAL VIVO

Related Articles

Close