Industria

Perché la Cina improvvisamente ricorda “Tagore” e “Dangal” in mezzo alla crescente tensione?

Nuova Delhi: Il governo cinese ha 118 ha espresso la sua reazione al divieto delle app. Il governo cinese ha affermato che 118 la decisione dell'India di vietare le app non gioverà a nessuna delle parti. Il governo cinese afferma che questa decisione danneggerà gli utenti indiani e le aziende cinesi. Questa mossa della Cina è una violazione delle regole dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

Si può sapere che l'India mercoledì (2 settembre), inclusa la popolare app sportiva PUBG, ha avuto una connessione con la Cina 118 Mobile L'applicazione è stata bandita. La ragione di ciò è la minaccia alla sicurezza nazionale e le preoccupazioni sulla privacy dei dati. L'India ha vietato finora l'app totale 224 associata alla Cina. L'ultimo passo è stato compiuto dopo l'aumento delle tensioni al confine con la Cina nel Ladakh orientale.

Relazioni tra i due paesi 1, 000 anni

“Il governo indiano ha abusato del concetto di sicurezza nazionale e ha adottato misure sanzionatorie discriminatorie contro le aziende cinesi”, ha detto il portavoce del ministero del Commercio cinese. Questa è una violazione delle regole dell'Organizzazione mondiale del commercio e ne riduce la rilevanza. La Cina esorta l'India a rettificare i suoi processi sbagliati. “

Inoltre ha aggiunto: “Cina-India è vantaggiosa per la cooperazione sia economica che commerciale. La Cina spera che i due paesi mantengano congiuntamente un ambiente di cooperazione già pronto. Inoltre, creare un ambiente di lavoro aperto ed equo per investitori internazionali e fornitori di servizi, comprese le società cinesi. “

VIDEO

Ha detto, l'India e la Cina sono paesi vicini ed entrambi sono orgogliosi delle loro civiltà. Il rapporto tra i due paesi è vecchio di 1 000. Film indiani come il premio Nobel indiano Ravindra Nath Tagore, Yoga e Dangal sono molto popolari in Cina. Chunying ha detto, fraintendiamo il mondo e diciamo che ci ha ingannati.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Huya Chunying ha dichiarato in una conferenza stampa separata: “L'India è stata il primo utente indiano a vietare queste app ad alta tecnologia, facili da usare e popolari. Abbiamo perso i diritti e gli interessi. Ha anche danneggiato gli interessi delle aziende cinesi. Nessuno ha beneficiato di questo passaggio. “

Ha detto che il portavoce del Dipartimento di Stato americano Hua Chunying ha detto: “Non so se ci sia stata alcuna interazione tra l'India e gli Stati Uniti e se c'è una connessione”. Chunying ha detto, ma l'India come paese è una civiltà arcaica e abbastanza intelligente da conoscere la nastratura di scatole di sporcizia, prismi, corna irritanti, cavi Internet muscolari e marini.

Related Articles

Close