Industria

Pakistan: i malfattori del mercato hanno sparato al Sunnita Maulana a Karachi

Zee News

  • Hindi News
  • mondo
Pakistan

Un influente sunnita Maulana e il suo autista sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco da sconosciuti miscredenti nella città di Karachi in Pakistan. Funzionari di polizia hanno detto che il dottor Maulana Adil Khan, il capo della Madrasa di Jamia Farooqia a Karachi, è stato attaccato sabato in un mercato.

Karachi : Pakistan Un influente sunnita Maulana e il suo autista sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco da sconosciuti miscredenti nella città di Karachi in Pakistan. Funzionari di polizia hanno detto che il dottor Maulana Adil Khan, il capo della Madrasa di Jamia Farooqiya a Karachi, è stato attaccato sabato in un mercato.

Secondo il comunicato della polizia, quando l'auto che trasportava Khan si è fermata vicino a un centro commerciale nella colonia di Shah Faisal, i malfattori del veicolo a due ruote hanno aperto il fuoco contro di loro e sono scappati. L'agente di polizia ha detto che questo sembra essere un attacco mirato.

Khan Shah era il figlio del famoso studioso Maulana Salimullah Khan, il fondatore della Madrasa Jamia Farooqia, situata nella colonia di Faisal. Jamia Farooqiya segue gli insegnamenti musulmani sunniti della setta deobandi. Il portavoce di Madarsa Amjad Rizvi ha detto che Maulana è morto in ospedale mentre il suo autista Maqsood Ahmad è morto sul posto stesso.

Khan è stato portato d'urgenza al Liaquat National Hospital dove è stato dichiarato morto. Il suo autista è stato dichiarato morto al Jinnah Masters Medical Center. Questa informazione è stata fornita dal Dr. Simin Jamali, Direttore Esecutivo dell'ospedale. Un'altra persona che camminava con Maulana è sopravvissuta per poco all'incidente mentre andava a comprare dolci all'interno del centro commerciale.

Il capo della polizia Ghulam Nabi Memon ha detto: “Stiamo ricevendo dichiarazioni di testimoni oculari”. Secondo Raja Omar Patha, responsabile del Dipartimento antiterrorismo (CTD), l'attacco è una “cospirazione per incitare rivolte etniche”. Il presidente Arif Alvi, il primo ministro Imran Khan e il capo generale dell'esercito pakistano Qamar Javed Bajwa hanno condannato l'assassinio di Khan.

Related Articles

Close