Industria

Oops Pakistan! L'ex ambasciatore vendeva vongole nell''edificio dell'ambasciata 'in Indonesia

Pakistan

Dopo l'avvio del processo di vendita, Syed Mustafa Anwar ha inviato una proposta in merito al Ministero degli Esteri. Il ministero degli Affari esteri aveva anche vietato la vendita dell'edificio dell'ambasciata.

nuova Delhi: Un ex ambasciatore del Pakistan in Indonesia ha 19 Ha venduto illegalmente l'edificio dell'ambasciata a Giacarta durante il dispiegamento anni fa. Secondo i resoconti dei media di Islamabad, l'organismo anticorruzione del paese, il National Accountability Bureau (NAB) 19 si è ritirato l'ex ambasciatore, ad agosto 2001 –

contro il maggiore generale (Syed Mustafa Anwar) ha presentato un ricorso per presunto reato

.

Per vendere illegalmente l'edificio su Anwar e ai tesori nazionali del Pakistan 13. 20 è accusato di aver causato milioni di dollari di danni. Secondo i documenti presentati al cancelliere, Anwar aveva pubblicato un annuncio pubblicitario per la vendita dell'edificio senza l'approvazione del Ministero degli Affari Esteri.

Leggi anche: In che modo Dawood Ibrahim è diventato il terrorista più ricercato dell'India? Conosci la sua storia completa

Il rapporto afferma che la vendita ai sensi della Sezione 9 (a) 6 di NAB è una violazione dei suoi poteri. Lui 2001 – 2002 durante l'edificio dell'ambasciata pakistana a Jakarta ' La “Mole” è stata venduta.

Un'indagine del NAB ha rivelato che l'ex ambasciatore Anwar era intenzionato a vendere l'edificio dell'ambasciata a Jakarta immediatamente dopo il suo dispiegamento. Per questo, aveva anche pubblicato un annuncio senza ottenere il permesso dal Ministero degli Esteri pakistano.

Leggi anche – Corona a Delhi ancora incontrollabile! Oggi CM Kejriwal può fare un grande annuncio

Dopo l'avvio del processo di vendita, Anwar ha inviato una proposta relativa ad essa al Ministero degli Affari Esteri. Il Ministero degli Affari Esteri aveva anche vietato la vendita dell'edificio dell'ambasciata.

La Corte Suprema del Pakistan ha dichiarato il mese scorso che l'ufficio del NAB è responsabile del ritardo nel processo decisionale contro l'ex ambasciatore, compresi i riferimenti alla corruzione. La corte suprema aveva detto che i funzionari del NAB non erano in grado. (Input IANS)

Related Articles

Close