Industria

Nancy Pelosi sul ruolo di Facebook nelle elezioni presidenziali americane

Nancy Pelosi

Accusato di aver diffuso informazioni false e fuorvianti sulla società Facebook di Mark Zuckerberg.

Washington: Facebook una volta è stato preso di mira a causa di notizie false o fuorvianti nelle elezioni statunitensi. Al Congresso degli Stati Uniti, la top democratica Nancy Pelosi ha messo sul banco degli imputati la leggendaria società di social media di Mark Zuckerberg. La portavoce della Camera dei Rappresentanti Nancy Pelosi ha detto in risposta a una domanda che Facebook fa parte del problema creato dalla diffusione di notizie fuorvianti. Infatti, gli è stato chiesto quanto fosse soddisfatto dei passi compiuti dalle società di social media nelle elezioni presidenziali statunitensi per fermare la diffusione della disinformazione.

Non sono un fan di Facebook

In risposta a questa domanda, Pelosi riferendosi a Facebook ha detto: “Non sono un grande fan di Facebook. Non so cosa stiano facendo, ma so che fanno parte del problema ”. Facci sapere che da quando sono usciti i risultati delle elezioni presidenziali, Donald Trump ei suoi sostenitori hanno affermato di brogli elettorali, ma fino ad ora non sono state fornite prove a sostegno di ciò.

Chi diventerà il vice di Nitish Kumar in Bihar? Questi due leader sono in testa alla corsa

C'erano critiche

Agendo, Facebook e Twitter hanno iniziato a mettere etichette di avvertimento su tali post. Allo stesso tempo, entrambe le società hanno mantenuto il divieto di pubblicità politica per il momento. È significativo che Facebook sia stato accusato di promuovere informazioni false e fuorvianti. La società ha anche affrontato critiche per non aver preso provvedimenti sul posto contestato di Donald Trump prima delle elezioni.

Cosa farai?

Negli Stati Uniti c'è stato un dibattito sul ruolo delle società di social media nella diffusione di notizie fuorvianti. In una situazione del genere, sarà ora interessante vedere se il presidente eletto Joe Biden compie un passo importante in questo senso. Ad eccezione di poche eccezioni, non è possibile intraprendere azioni legali contro le società di social media per i contenuti pubblicati dai loro utenti. Una sezione degli Stati Uniti sostiene l'abolizione di questa esenzione per legge.

Related Articles

Close