Industria

Il personale dei media australiani torturato in Cina, Matthew Carney ha espresso il suo dolore dopo due anni

Canberra: dichiarazione di un ex corrispondente australiano lunedì Durante il rilascio, ha menzionato l'incidente che gli è successo a Pechino. Ha detto che due anni fa lui e sua figlia 14 sono stati minacciati di custodia prima di lasciare la Cina.

2018 Incidente scoperto

Matthew Carney ha detto di non aver ancora rivelato l'incidente in 2018. Citando il motivo alla base di ciò, ha affermato di voler evitare conseguenze negative per il funzionamento dell'Australian Broadcasting Corporation in Cina. Due settimane fa, i giornalisti che lavoravano in Cina per ABC e il quotidiano The Australian Financial Review sono tornati nel loro paese. È l'ultimo giornalista australiano a lavorare in Cina. Hanno anche dovuto lasciare la Cina a causa della minaccia di detenzione.

Carney 2018 Head of ABC's Chinese Bureau

Carney 2018 aveva il capo dell'ufficio cinese della ABC. Durante questo periodo, l'Australia ha approvato una legge che dichiara illegale l'interferenza straniera nella politica interna. Carney dice che la Cina è stata sconvolta dall'approvazione di questa legge. Ha detto che entro tre mesi dall'avvento della legge, lui e la sua famiglia hanno iniziato a ricevere minacce. Carney ha raccontato la sua autobiografia in un'intervista trasmessa su ABC Radio. La sua storia è stata pubblicata anche sul sito web dell'istituto. Non c'è stata alcuna risposta immediata dalla Cina su questo.

Leggi anche- La riunione dei comandanti di corpo si svolgerà oggi nella parte cinese, per la prima volta questi ufficiali potranno essere coinvolti

Yasmine al Beijing Public Security Facility

Carney ha riferito che gli è stato chiesto di portare la figlia di un anno 14 Yasmin alla struttura di pubblica sicurezza di Pechino. Dicono che il motivo per portarlo qui fosse quello di essere interrogato e trattenuto. Le è stato detto da un agente donna che è in corso un'indagine su un reato di visto contro lei e sua figlia. Gli è stato detto che sua figlia ha 14 anni. È un adulto secondo la legge cinese. Gli è stato inoltre detto che la Repubblica popolare cinese è un paese rispettoso della legge e che sarebbe stato accusato di violazione del visto.

Figlia in custodia

L'ufficiale donna ha detto a Carney che sua figlia potrebbe essere presa in custodia. Dopo essere stata presa in custodia, la figlia verrà tenuta in un luogo segreto insieme ad altri prigionieri. Carney dice che l'agente donna stava facendo indagini esplicite. Questo ha creato un'atmosfera di paura e panico. Carney ha detto di essersi offerto di lasciare la Cina il giorno successivo con sua moglie e tre figli. In risposta, gli è stato detto che non poteva uscire dal paese durante le indagini. Le autorità hanno anche affermato di essere state prese in custodia adducendo la scadenza del visto entro un giorno.

Carney ha confessato il crimine

Dopo essersi consultato con l'ambasciata australiana e la ABC, Carney ha detto di aver deciso di confessare il suo crimine e di scusarsi per la violazione del visto. Con questo, Carney ha posto una condizione che sua figlia potesse vivere con la famiglia. Le dichiarazioni di Carney e dei suoi familiari sono state registrate tramite registrazione video. Con questo, l'ufficiale donna ha detto loro che preparerà il rapporto di questo caso e lo consegnerà all'autorità superiore, sulla quale gli ufficiali daranno il loro verdetto. Da un lato, il visto sarebbe scaduto a breve, dall'altro il funzionario ha detto che la decisione potrebbe arrivare dopo poche settimane. Il giorno successivo, Carney fu informato per telefono che il visto per lui e per la sua famiglia era stato prorogato di due mesi.

Decisione di lasciare la Cina

) Carney dice di aver preso la decisione improvvisa di lasciare la Cina. Ha preso questa decisione dopo le minacce di una donna cinese. La donna cinese minacciava di citare in giudizio per diffamazione a causa di un rapporto scritto da Carney. Questo rapporto era sull'enfasi del cinese Prashan su un migliore comportamento dei cittadini in Cina. Carney ha ricevuto una consulenza legale sulla questione, in cui gli è stato detto che una volta avviato il procedimento legale contro di lui, non può lasciare il paese. Verrà loro vietato di lasciare il paese. L'Australia ha emesso un avviso di viaggio a luglio, a seguito delle minacce di detenzione di cittadini australiani nei confronti della Cina.

Blogger Yang Hengjun arrestato

Lascia che te lo dica, il romanziere poliziesco e blogger cinese-australiano Yang Hengjun è stato formalmente arrestato. È stato arrestato nel mese di gennaio dello scorso anno al ritorno da New York. Ci sono accuse a nome della Cina che Yang Hengjun avrebbe rovinato le relazioni bilaterali. Allo stesso tempo, Yang Hengjun, un anno 55, è stato accusato di mettere in pericolo la sicurezza dello Stato. Gli ultimi due giornalisti australiani che hanno lavorato in Cina per lasciare il Paese Il ministro degli Esteri cinese ha successivamente affermato che Chang Li, un cittadino australiano, era stato arrestato perché sospettato di reati di sicurezza nazionale. Chang Li era un'ancora di notizie economiche nel canale mediatico statale cinese CGTN.

Related Articles

Close