Industria

Grande divulgazione: Cina, allerta agenzie di sicurezza in India, spingendo la propria agenda in questo modo

Nuova Delhi: Cina (Cina) Fronte economico Ma dopo i feriti, Nuova Delhi (Nuova Delhi) ha gli occhi puntati su tali organizzazioni e gruppi, che rimangono in India e hanno l'intenzione di portare avanti l'agenda cinese. Negli ultimi anni, i think tank con sede in Cina si sono riversati in India. Si ritiene che questi think tank lavorino per volere delle ambasciate cinesi in India.

Secondo il rapporto di valutazione delle agenzie di sicurezza indiane, un think tank sulle “relazioni India-Cina” è stato formato da un filantropo e pedagogista sospettato di avere stretti rapporti con l'ambasciata cinese. La Cina sta anche lavorando ai piani per istituire il “China Study Center” nelle istituzioni educative indiane. Mentre alcuni think-tank stanno portando avanti l'agenda cinese con il pretesto del lavoro sociale.

Leggi anche: Ambasciatore cinese sulla schiena del popolo, Pechino difende citando 'Cultura'

Un ufficiale che segue da vicino questo sviluppo ha detto a Zee News che c'è un'organizzazione che lavora per i giovani fuori Delhi. Il rapporto di questa organizzazione con l'ambasciata cinese è stato denunciato molte volte. Gli ospiti dell'ambasciata sono spesso invitati a eventi organizzati dall'organizzazione. Oltre a questo, in ambasciata vengono organizzati anche programmi incentrati sui giovani. L'organizzazione gestisce anche un “programma di scambio” per studenti indiani e cinesi su istruzioni dell'ambasciata cinese. Negli ultimi anni è aumentato anche il numero di think tank dedicati alla ricerca accademica sulla Cina, che sono gestiti da persone di orientamento comunista.

Forte rete di istituzioni confuciane

La Cina ha anche sviluppato un'app chiamata “Studia il paese potente” per fare il lavaggio del cervello ai cittadini stranieri. Pechino sta creando una vasta rete di istituzioni confuciane in tutto il mondo nel nome della promozione della lingua e della cultura. Tuttavia, ora paesi come l'Australia e la Gran Bretagna hanno iniziato a capire questa cospirazione. Di recente, i governi indiano e americano avevano ordinato un'inchiesta sul funzionamento di queste istituzioni. Pochi giorni fa, l'amministrazione Trump ha chiamato gli Istituti confuciani una missione straniera e ha imposto restrizioni simili a quelle imposte alle missioni diplomatiche.

L'anno scorso, la Commissione investigativa del Senato ha rivelato che il Partito Comunista Cinese (PCC) aveva cercato di diffondere le istituzioni confuciane e la propaganda del PCC nelle università americane 158 Stanziati in milioni di dollari. Anche l'India ha preso provvedimenti per smascherare questa cospirazione cinese. Il governo ha esaminato gli accordi tra le istituzioni confuciane che operano in India e le istituzioni educative cinesi e indiane. Gli Istituti Confucio sono stati istituiti in molte importanti istituzioni pubbliche e private in India. Queste istituzioni sono accusate di agire come unità del PCC e di promuovere gli interessi cinesi. Tali istituzioni sono sponsorizzate dal Ministero dell'Istruzione cinese con il pretesto di promuovere la lingua e la cultura cinese.

Oltre a creare gli Istituti Confucio, la Cina sta anche lavorando a un piano per creare una forte rete di giornalisti, accademici e intellettuali in India. Insieme alla recente decisione di rivedere il funzionamento delle istituzioni confuciane, è l'istituzione indiana 54 sul radar del governo Modi che ha firmato i MOU con le istituzioni cinesi. . Questi istituti includono Indian Institute of Technology (IIT), National Institute of Technology (NITs), Indian Institute of Science (IISc), Institute of Scientific and Engineering Research (ISER), Jawaharlal Nehru University (JNU), Banaras Hindu University (BHU) ecc.

Dragon knit fellowship trap

Un altro funzionario ha detto che “la Cina si è infiltrata ideologicamente attraverso le istituzioni educative indiane per molto tempo. I suoi centri di studio vengono istituiti nelle principali istituzioni indiane. Decine di tali centri di studio sono già impiegati in prestigiosi istituti legati alla tecnologia, al management e alle scienze sociali. Come è aumentata l'infiltrazione cinese nei campi educativi indiani, si può intuire che un noto istituto di management nel nord-est sta conducendo un corso relativo alla gestione delle imprese in Cina. “

Inoltre, la Cina offre anche borse di studio a studenti indiani in modo che possano essere sottoposti al lavaggio del cervello chiamando la Cina. Le sue borse di studio principali includono la Schwarzman Fellowship, il Confucian China Studies Program (CCSP), la borsa di studio co-sponsorizzata dall'UNESCO / PRC.

Tentativi di farsi strada nei media indiani

La Cina è ben consapevole che i media possono essere il mezzo più potente per portare avanti la sua agenda. Pertanto, ha intensificato i suoi sforzi per farsi strada anche nei media indiani. Il compito è stato affidato alla Chinese Public Diplomacy Association (CPDA), sotto il ministero degli Esteri cinese. Il CPDA gestisce una borsa di studio in base alla quale i giornalisti indiani vengono formati invitandoli in Cina. A questi giornalisti vengono offerti vantaggi economici, alloggio e altre indennità. Oltre a questo, hanno anche accesso ai massimi ufficiali del PCC. Giornalisti di agenzie di stampa indiane, giornali in inglese e hindi e importanti canali di notizie hanno viaggiato in Cina per amicizia. I giornalisti, a loro volta, pubblicano in modo interessante una storia relativa al suo interesse senza menzionare il programma sponsorizzato dalla Cina. Tali “soldati cinesi” come gli indiani sono diventati più attivi dopo le recenti violenze del Ladakh. Questi giornalisti mettono in dubbio anche le decisioni anti-cinesi del governo indiano.

Infiltrazione cinese anche nei media online

La Cina ha anche fatto enormi intrusioni nei media online. Esistono dozzine di tali portali di notizie, che periodicamente creano un'atmosfera riguardo al governo comunista cinese in India. In cambio, ricevono un'enorme assistenza finanziaria sotto forma di pubblicità dalla Cina. Qualche tempo fa gli attivisti tibetani hanno criticato un importante quotidiano indiano inglese. In effetti, il giornale aveva pubblicato un annuncio, che raffigurava la Cina come un messia. Che ha fatto molto per lo sviluppo economico, l'inclusione sociale e la libertà religiosa in Tibet da allora 1950. Gli esperti ritengono che il governo debba condurre una grande campagna contro la Cina, in modo che i suoi sforzi per portare avanti la sua agenda attraverso le istituzioni educative e i media possano essere contrastati.

TV DAL VIVO

Related Articles

Close