Industria

ESCLUSIVO: “Shot in Lebanon's Heart”, il rapporto di WION sul terreno di Beirut

Beirut: Libano negli ultimi mesi Tutti sono stati nelle notizie per ragioni terribili, e l'orribile esplosione di Beirut Port martedì ha peggiorato la sua situazione, in cui finora 137 Scopri Se ne sono andati e 5000 le persone sono ferite.

Il giornalista libanese Karol Yamin, mentre scriveva a terra per il WION dalla capitale del paese Beirut, ha affermato che “i danni causati dalla devastazione non possono essere descritti”.

Secondo lui, “Questa perdita è ancora più preoccupante perché il Libano stava già attraversando una crisi economica”. Aggiunge: “Gli ospedali hanno alzato la mano, non a causa di questa esplosione ma a causa della situazione che si è creata a causa dell'epidemia della corona”.

Yamin ha affermato che non solo gli ospedali ma tutte le attività commerciali di Beirut sono state gravemente colpite da questa esplosione, perché Beirut è il centro di tutto, ristoranti e vita notturna. Dice inoltre: “Questo è il cuore del Libano ed è sparato dritto nel cuore”.

Yamin parla delle condizioni economiche del paese, di come si trova in una brutta fase e a causa di questa esplosione andrà in una situazione ancora peggiore. Ha detto che coloro che sono sopravvissuti, le loro case sono distrutte e coloro che lottano anche per nutrirsi, questo lavoro di ristrutturazione aggiungerà più umiliazione alle loro ferite.

Yamin ha detto che dal momento che gli ospedali sono già sovraffollati, alle persone meno ferite è stato detto di non andare negli ospedali. Tuttavia, ha detto che l'aiuto viene ricevuto da molti paesi. La visita del presidente francese Emmanuel Macron ha anche suscitato speranze nel cuore delle persone.

Secondo Yamin, le persone non si fidano del loro governo su come utilizzare correttamente l'aiuto di altri paesi e della Francia. Queste persone terranno d'occhio anche questo. Yamin ha anche elogiato il lavoro volontario del popolo libanese su come stanno scendendo in strada per pulire la spazzatura ecc.

VIDEO

Related Articles

Close