Industria

Ancora in pericolo Isis in Siria-Iraq, oltre 10.000 combattenti attivi: Onu

ONU: presunta sconfitta dell'ISIS E dopo la morte del suo leader Baghdadi, questa organizzazione esiste come una grande minaccia per la Siria e l'Iraq. Le stesse Nazioni Unite hanno riconosciuto che 10, 000 combattenti sono presenti e attivi in ​​Siria e Iraq. . Non stanno solo facendo attacchi sporadici, ma si stanno anche espandendo.

Il capo del dipartimento antiterrorismo delle Nazioni Unite, Vladimir Voronkov (capo dell'antiterrorismo delle Nazioni Unite Vladimir Voronkov) lo ha affermato. Ha detto che anche dopo due anni dalla sua sconfitta, i combattenti ISIS-ISIL non solo stanno riemergendo, ma hanno anche effettuato molti attacchi, aumentando le loro attività.

Intervenendo sul Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Voronkov ha affermato che i militanti dell'ISIS continuano la loro azione dividendoli in piccoli gruppi in questi due paesi. Ha detto che questi combattenti non si limitano solo alla Siria-Iraq, ma hanno anche intensificato i contatti con altri gruppi regionali. Sebbene le loro attività al di fuori delle aree di combattimento diretto siano state basse, il motivo potrebbe essere stato Corona, perché a causa della corona, ci sono restrizioni economiche al traffico in tutta l'area.

LEGGI ANCHE: Dawood in preda al panico per le rivelazioni di ZEE NEWS, supplica i funzionari dell'ISI

Tuttavia, Voronkov ha anche detto che ci sono stati piccoli attacchi in alcuni luoghi colpiti dai gruppi di propaganda associati all'ISIS e che hanno ricevuto aiuto da loro. A proposito, Voronkov ha anche aggiunto che i terroristi dell'ISIS stanno approfittando di questi blocchi per organizzarsi e rafforzarsi. Ma ha anche detto che non c'è stato alcun cambiamento nel funzionamento dell'ISIS sotto la guida del suo nuovo leader Abu-Ibrahim al-Hashemi al-Qureshi. Recluta terroristi e raccoglie fondi come prima.

Riferendosi alla portata dell'ISIS nel continente africano, Voronkov ha detto che l'ISIS è diventato molto forte qui, specialmente in Africa occidentale (Stato islamico nella provincia dell'Africa occidentale). Questo gruppo di ISIS ha più combattenti 3500 e rafforza continuamente l'ISIS nella catena del Grande Sahara. E anche aiutare. L'ISIS rimane attualmente la forza più forte nella tripartizione di Burkina Faso, Mali e Niger. Tuttavia, sono rimasti solo poche centinaia di militanti dell'ISIS in Libia. Voronkov ha detto che i combattenti dell'ISIS stanno approfittando delle battaglie etniche locali, che potrebbero avere un impatto sproporzionato sulle aree di confine.

Voronkov ha espresso preoccupazione per i crescenti attacchi dell'ISIS nei paesi dell'Africa centrale, in particolare in Congo e Mozambico. Dove i terroristi dell'Isis non solo hanno effettuato pericolosi attacchi, ma hanno controllato alcuni villaggi.

Sulla crescente presa dell'ISIS nei paesi europei, Voronkov ha detto che l'ISIS sta facendo propaganda attraverso Internet nei paesi europei e in questo episodio finora ci sono stati tre attacchi in Francia e tre in Gran Bretagna. Ha espresso preoccupazione per il fatto che ciò stia accadendo a causa del rilascio di prigionieri pericolosi e della mancanza di piani concreti per la loro corretta riabilitazione.

Parlando dell'Afghanistan, Voronkov ha detto che l'ISIS ha effettuato importanti attacchi in molte parti del paese, compresa Kabul. L'ISIS vuole rafforzarsi in tutto il mondo usando la terra dell'Afghanistan. E vuole aumentare il suo impatto. Questo è il motivo per cui si oppone anche ai colloqui di pace talebani-USA.

Allo stesso tempo, parliamo di altre parti dell'Asia, l'IS ha rivendicato l'attacco alle Maldive ad aprile. E nei paesi del Sudest asiatico, sono spesso confrontati con le forze di sicurezza governative.

Parlando di questo problema, l'ambasciatore statunitense Kelly Kraft alle Nazioni Unite ha detto che non possiamo sederci pacificamente dopo aver sconfitto l'ISIS in Siria-Iraq, altrimenti le loro donne e i loro bambini ci faranno diventare come ISIS 2.0 Può rappresentare una sfida.

All'ONU, l'ambasciatore russo Wesley Nebenzia ha detto che c'è il pericolo che emerga l'ISIS. E anche i suoi combattenti stanno sognando di portare di nuovo Khilafat.

TV DAL VIVO

Related Articles

Close